Traduzione

problemi di traduzione

Published: Jun 3, 2020 by

condivido volentieri un interessante post del prof. Marcello Meli riguardante la traduzione dal sanscrito. È pubblicato nel gruppo Facebook “Impariamo il sanscrito”

“Col sanscrito bisogna stare attenti, perché spesso si confonde traduzione e comprensione del testo con l’interpretazione più o meno peregrina. Nello Shatapatha si legge anAtmakA devAh. A qualcuno potrebbe venire in mente di tradurre “gli dèi sono privi di Atman” e inventare chissà che cosa. Il fatto è Atman può significare “corpo”. Qui, si dice che gli dèi sono incorporei “gli dèi sono privi di corpo”. Questo significato è rimasto anche nel sanscrito classico. L’aggettivo Atmaka in fine di composto significa “sostanza materiale, sicché se io dico jalAtmakaM retaH voglio dire che la sostanza materiale dello sperma è l’acqua. Anche la traduzione Sé lascia parecchio a desiderare. Innanzitutto si è imposta nella seconda metà dell’ottocento, in secondo luogo in sanscrito Atman non significa affatto sé, ma ha la funzione dell’italiano “si”. AtmAnaM marjate non significa “lava o purifica il sé” ma semplicemente “lava se stesso”. Si può sostenere che Atman sia passato dall’indicare il corpo alla unità del medesimo in confronto alle membra.”

Latest Posts

आनन्द

Quante beatitudini umane, una beatitudine di brahman?

Lettura di Oupnek hat
Lettura di Oupnek hat

A seguito del mio post sul Anquetil Duperron, un “Indiana Jons ante litteram” come lo definisce il prof. Paolo Magnone, ho trovato questa interessante presentazione del prof. Magnone di una sua Lettura fatta per le “Letture di Nuovi Classici per il III Millennio in Biblioteca Ambrosiana“.

Grammatica del sanscrito
Grammatica del sanscrito

Ho terminato la traduzione del “concentrato di sanscrito” di Jean Varenne.