atriṇā tvā krime hanmi



[KYV – TA 4-36-1 e 4-37-1] – autori: ṛṣi: atri, kaṇva e jamadagni

आह॒राव॑द्य ।
शृतस्य हविषो यथा ।

āharāvadya |
śṛtasya haviṣo yathā |
āharaḥ | avadya |
śṛtasya | haviṣaḥ |yathā |

L’offrire come un sacrificio (āharaḥ) le mancanze (avadya)
come (yathā) l’oblazione (haviṣaḥ) del cibo cotto (śṛtasya) |

तत्सत्यम् ।
यदमुं यमस्य जम्भयोः ।

tatsatyam |
yadamuṃ yamasya jambhayoḥ |
tat | satyam |
yad | amum |yamasya | jambhayoḥ |

questa (tat) [è] la verità (satyam)
la qual cosa (yad) allora (amum) nei denti (jambhayoḥ) di yama (yamasya) |

आदधामि तथा हि तत् । ।
खण्फण्म्रसि ॥

ādadhāmi tathā hi tat |
khaṇphaṇmrasi |
ādadhāmi | tathā | hi | tat |
| khaṇphaṇmrasi |

questo (tat) così (tathā) infatti (hi) metto (ādadhāmi- vb. cl. 3 ādhā-) |
(→ Così (tathā) infatti (hi) metto (ādadhāmi) questi [germi], nelle fauci di yama (jambhayoḥ) [il dio della morte] |)
khaṇphaṇmrasi, suono onomatopeico a significare il suono dei germi [krimi] stritolati nelle fauci di yama |

āharaḥ, sm. nom. sg. di āhara-, l’offrire un sacrificio
avadya, sn. comp., vizio, mancanza, imperfezione

śṛtasya, sn. gen. di śṛta- cibo cotto
haviṣaḥ, sn. nom. acc. di havis-, oblazione, offerta sul fuoco
yathā, avv. nel qual modo, come, a seconda che

tat, pr. nom. sg. di tad
satyam, sn. acc. sg. di satya-, verità, realtà

yad, pr. rel., che,il quale, la qual cosa; cong. che, affiché, in modo che
amum, pr. acc. di adas, quello, così, allora
yamasya, sm. gen. di yama
jambhayoḥ, sm. loc. du. dente, zanna - yama è provvisto di due zanne

ādadhāmi, vb. 1ª p. sg. di √ādhā-, mettere sopra, posare, deporre
tathā, avv. in quel modo, così, in questo modo
hi, cong. infatti, poiché
tat, pr. nom. sg. di tad

khaṇphaṇmrasi, suono onomatopeico –> khaṇd- vb. distruggere; phaṇ- vb. andare, muoversi; mṛ- morire, far morire