ṛgveda X, 97



ṛṣi: bhiṣaj ātharvaṇa, 23 versi, metro anuṣṭubh

traduzione: Eugenia De Luca

मुं॒चंतु॑ मा शप॒थ्या॒३॒॑दथो॑ वरु॒ण्या॑दु॒त ।
अथो॑ य॒मस्य॒ पड्बी॑शा॒त्सर्व॑स्माद्देवकिल्बि॒षात् ॥

muñcantu mā śapathyādatho varuṇyāduta |
atho yamasya paḍbīśātsarvasmāddevakilbiṣāt ||16||

muñcantu ǀ mā ǀ śapathyāt ǀ atho ǀ varuṇyāt ǀ uta ǀ
atho ǀ yamasya ǀ paḍbīśāt ǀ sarvasmāt ǀ deva-kilbiṣāt ǁ

Traduzione parola per parola
Mi () liberino (muñcantu) dalla piaga che dipende dalla maledizione (śapathyāt) e anche (uta) allo stesso modo (atho) da (ciò) che proviene da varuṇa (varuṇyāt)
Allo stesso modo (atho) [mi liberino] dalla catena (paḍbīśāt) di yama (yamasya) e da ogni (sarvasmāt) offesa verso gli Dei (devakilbiṣāt).

muñcantu = √muc- 6 cl. pres. ipf. 3 pl. – liberare, sciogliere, slegare
= (mad) acc. sg. – io
śapathyāt = (śapathya) abl. sg. m. – che dipende da una maledizione, colpa che consiste in una maledizione o imprecazione, piaga della maledizione
atho = ora, similmente, presto, quindi
varuṇyāt = (varuṇya) abl. sg. m. – che proviene da varuṇa o appartiene a Lui
uta = e, anche, persino

atho = ora, similmente, presto, quindi
yamasya = (yama) gen. sg. m. – Dio Yama
paḍbīśāt = (paḍvīśa) abl. sg. n. – catena
sarvasmāt = (sarva) abl. sg. n. – tutto
devakilbiṣāt = (deva + kilbiṣa) abl. sg. n. – offesa agli Dei