īśopaniṣad 5



तदेजति तन्नैजति तद्दूरे तद्वन्तिके ।
तदन्तरस्य सर्वस्य तदु सर्वस्यास्य बाह्यतः ॥ ५ ॥


tadejati tannaijati taddūre tadvantike |
tadantarasya sarvasya tadu sarvasyāsya bāhyataḥ ||5||

Traduzione parola per parola
Quello (tad) si muove (ejati), Quello (tan) non (na) si muove (ejati); [è] molto lontano (dūre) [è] certamente (u) vicino (antike).
Quello (tad) [è] all’interno (antar) di tutto (sarvasya) questo (asya); [è] certamente (u) all’esterno (bāhyatas) di tutto (sarvasya) questo (asya).

Traduzioni:

Carlo della Casa, Upaniṣad, Utet 1976
Esso si muove e sta immoto, è lontano e del pari è vicino, è al di dentro d’ogni cosa ed è al di fuori di tutto.

Louis Renou, L’Hindouisme, PUF 1951
Il se meut, il ne se meut pas, il est loin et il est près. Il est au-dedans de tout ce qui est, et de tout ce qui est il est au dehors.

Raphael, Upaniṣad, Bompiani 2010
Quello si muove, Quello non si muove. Quello è lontano, Quello è certo vicino. Quello è all’interno di tutto questo, Quello è certo all’esterno di tutto questo. 1

Raphael, Cinque Upaniṣad, Āśram vidya 1974

Egli [atman] si muove e non si muove,

È lontano e pur vicino, È interno al tutto, È [altresì] esterno al tutto2

Aurobindo, Sri Aurobindo Ashram Trust 2003
That moves and That moves not; That is far and the same is near; That is within all this and That also is outside all this.

Pio Filippani Ronconi, Upaniṣad antiche e medie, Boringhieri 1960
Costui si muove, Costui non si muove; Costui è lontano, Costui è vicino; Costui è all’interno di questo Tutto, Costui è anche all’esterno di questo Tutto.

A.C.B. Svamī Prabhupada, Śrī Īśopaniṣad, Iskon Books
The Supreme Lord walks and does not walk. He is far away, but He is very near as well. He is within everything, and again He is outside of everything.

Martine Buttex, 108 upaniṣad, Dervy 2012
Il se meut et il est immobile! Il est lointain et il est proche! Il est à l’intérieur de tout et il est à l’extérieur de tout!


Gaura Krishna, 12 upaniṣad, Yogi Ramsuratkumar Bhavan
Cela se meut, Cela ne se meut pas; Cela est loin, Cela est près; Cela est au-dedans de tout; Cela est aussi à l’extérieur de tout.

tat, pron. nom. acc. n. di tad-, egli, quello, questo
ejati, 3ª p sg. pres. indic. di √ej- si muove, trema, si agita, si rimescola √ej- v. cl. 1 P., rimescolare, muovere, tremare, agitare
tat, pron. nom. acc. n. di tad-, egli, quello, questo
na avv, non, no, e non, né
ejati 3ª p sg. pres. indic. di √ej- si muove, trema, si agita, si rimescola nota: tannaijati = tat + na+ejati; t+n=n; a+e=ai
tat, pron. nom. acc. n. di tad-, egli, quello, questo
dūre agg./avv. loc. sg. di dūra-, distante, remoto, lontano, molto lontano
tat, pron. nom. acc. n. di tad-, egli, quello, questo
u, (u→v per alternanza vocalica - tadvantike), 1- congiunzione enclitica usata frequentemente nei veda, e, anche, inoltre, d’altra parte. 2- particella che implica assenso, chiamata, comando antike, agg. loc. di antika- vicino, prossimo
tat, pron. nom. acc. n. di tad-, egli, quello, questo
antar, avv. in, tra, nel mezzo, all’interno
asya, pron. gen. sg. di idam-, di questo.
sarvasya, agg. gen. sg. di sarva-, di tutto.
tat, pron. nom. acc. n. di tad-, egli, quello, questo
u, (u→v per alternanza vocalica - tadvantike), 1- congiunzione enclitica usata frequentemente nei veda, e, anche, inoltre, d’altra parte. 2- particella che implica assenso, chiamata, comando asya, pron. gen. sg. di idam-, di questo.
bāhyatas, avv. fuori, esternamente, sull’esterno di

——————————————————————————————————————————————-

NOTE:

  1. Si dimostra come l’ātman-Brahman pervade tutto al di là di ogni movimento (cfr. Bṛ. III.IV.1; Mu. II.I.2) (Raphael 2010)
     

  2. L’ātman è il Nucleo centrale roteante su se stesso che, con la sua sola presenza, rende possibile il mutamento-vita cosmico. Per fare un’analogia, diciamo che è simile al nucleo atomico, il quale, benché girante su se stesso e lontano dagli elettroni, determina tutto il moto elettro- nico e, quindi, la formazione dell’atomo. L’ātman è, dun- que, immanente e trascendente, come il sole che rimane immanente e trascendente al suo sistema. « Come un unico oceano, il Veggente è privo di secondo; tale è ora il mondo del Brahman ».(Raphael 1974)