agni sūktam



agnímīḷe puróhitam yajñásya devámṛtvíjam ǀ
hótāram ratnadhā́tamam ǁ1ǁ
Prego (īle) agni (agnim), il sacerdote domestico (purohitaṃ), il divino (devam) officiante
(ṛtvijam/ij/yaj) del sacrificio (yajñasya) che sacrifica al momento opportuno(ṛtvijam/ṛtu),
colui che invoca gli dèi (hotāram) e che più di tutti porta grande ricchezza (ratnadhātamam).

agníḥ pū́rvebhirṛ́ṣibhirī́ḍyo nū́tanairutá ǀ
sá devā́m̐ éhá vakṣati ǁ2ǁ

agni (agniḥ) essendo venerato (īḍyaḥ) dagli antichi veggenti (pūrvebhiḥ) e anche (uta) dai nuovi (nūtanaiḥ),
(è) lui (saḥ) che accresce [porta, riunisce] (vakṣati) gli dèi (devān) in questo mondo (iha).

agnínā rayímaśnavatpóṣamevá divédive ǀ
yaśásam vīrávattamam ǁ3ǁ

Grazie ad agni (agninā) possa [colui che sacrifica] ottenere (aśnavat) giorno dopo giorno (divédive)
molti possedimenti (rayim) e prosperità (poṣam-eva), gloria (yaśasam) e figli (vīravat-tamam).

ágne yám yajñámadhvarám viśvátaḥ paribhū́rási ǀ
sá íddevéṣu gacchati ǁ4ǁ

O agni (agne), sei tu (asi) che circondi (paribhūḥ) da ogni parte (viśvataḥ) questa cerimonia sacrificale (yajñam)
non offensiva (adhvaraṁ) che giunge sicuramente (id) tra gli dèi (deveṣu).

agnírhótā kavíkratuḥ satyáścitráśravastamaḥ ǀ
devó devébhirā́ gamat ǁ5ǁ

agni (agniḥ), l’invocatore (hotā) dall’acume di un saggio (kavikratuḥ), il verace (satyaḥ)
dalla fama davvero straordinaria (citraśravastamaḥ),
la divinità (devaḥ), possa venire (āgamat) con le divinità (devebhiḥ).

yádaṅgá dāśúṣe tvámágne bhadrám kariṣyási ǀ
távéttátsatyámaṅgiraḥ ǁ6ǁ

La tua (tava) verità (satyam) (è) davvero (it), O agni (agne), certamente (aṅga)
ciò che di propizio (bhadram) tu (tvam) vorrai fare (kariṣyasi) a chi ti onora (dāśuṣe), O aṅgiras.

úpa tvāgne divédive dóṣāvastardhiyā́ vayám ǀ
námo bháranta émasi ǁ7ǁ

Noi tutti ci avviciniamo (vayaṁ emasi) insieme (upa) [a te] giorno dopo giorno (divédive)
attraverso la preghiera (dhiyā) portando (bharantaḥ) omaggio (namaḥ),
O agni (agne) che illumini l’oscurità (doṣāvastar), …

rā́jantamadhvarā́ṇām gopā́mṛtásya dī́divim ǀ
várdhamānam své dáme ǁ8ǁ

… che risplendi (rājantam), splendente (dīdivim) guardiano (gopām) dei sacrifici non offensivi (adhvarāṇām)
[e] dell’ordine cosmico (ṛtasya), che cresci (vardhamānaṁ) nella tua propria (sve) casa (dame).

sá naḥ pitéva sūnávé’gne sūpāyanó bhava ǀ
sácasvā naḥ svastáye ǁ9ǁ

Insieme (sa), O agni (agne), sii (bhava) a noi (naḥ) facile da avvicinare (sūpāyanaḥ) esattamente (iva)
come un padre (pita) per il figlio (sūnave): unisciti (sacasvā) al nostro (naḥ) benessere (svastaye).