agni sūktam 2



अ॒ग्निः पूर्वे॑भि॒र्ऋषि॑भि॒रीड्यो॒ नूत॑नैरु॒त ।
स दे॒वाँ एह व॑क्षति ॥

agniḥ pūrvebhirṛṣibhirīḍyo nūtanairuta |
sa devām̐ eha vakṣati ||2||


Traduzione parola per parola (devadatta)
agni (agniḥ) essendo venerato (īḍyaḥ) dagli antichi veggenti (pūrvebhiḥ) e anche (uta) dai nuovi (nūtanaiḥ),

(è) lui (saḥ) che accresce [porta, riunisce] (vakṣati) gli dèi (devān) in questo mondo (iha).


agniḥ, sost. nom. sing. di agni-, dio del fuoco, agni
pūrvebhiḥ, str. pl. di pūrvin-, derivato dagli antenati o dagli avi, ancestrale; per mezzo degli antenati
ṛṣibhiḥ, sost. str. pl. m. di ṛṣi-, saggio o poeta ispirato; “dai saggi”
pūrvebhir’ṛṣibhir, attraverso i saggi del passato
īḍyaḥ, nom. sg. dell’assolutivo 2ª cl. Ā della √īḍ-, pregare, implorare, richiedere; “essendo venerato”
nūtanaiḥ, sost. n. str. pl. di nūtana-, gioventù, giovinezza
uta, cong. e, anche, persino
saḥ, pron. nom. sg. di tad, egli, questo devān, sost. acc. pl. m. di deva-, dèi, divinità
iha, ind. in questo luogo, qui, in questo mondo
vakṣati, vb. cl. 1 P. 3ª p. sg. pres. di √vakṣ-, crescere, accrescere