agni ṛgveda 1, 77



ka̱thā dā̍śemā̱gnaye̱ kāsmai̍ de̱vaju̍ṣṭocyate bhā̱mine̱ gīḥ |
yo martye̍ṣva̱mṛta̍ ṛ̱tāvā̱ hotā̱ yaji̍ṣṭha̱ itkṛ̱ṇoti̍ de̱vān ||1||

Come (kathā) offriremo (dāśema) a agni? Quale (ka) lode (gīḥ), piacevole agli Dèi (devajuṣṭāḥ), deve essere detta (ucyate) a lui (asmai), al radioso (bhāmine) ,
l’immortale (amṛtaḥ) tra i mortali (martyeṣu), che dice la verità (ṛtāvā), che offre l’oblazione (hotā) [agli Dèi], che venera profondamente (yajiṣṭhaḥ), il quale (yaḥ) fa (kṛṇoti), davvero (it), gli Dèi (devān) ?

yo a̍dhva̱reṣu̱ śaṁta̍ma ṛ̱tāvā̱ hotā̱ tamū̱ namo̍bhi̱rā kṛ̍ṇudhvam|
a̱gniryadvermartā̍ya de̱vānsa cā̱ bodhā̍ti̱ mana̍sā yajāti ||2||

Il quale (yaḥ) nei sacrifici non offensivi (adhvareṣu) [è] molto benefico (śaṁ-tamaḥ) e veritiero (ṛta-vā), sacerdote dell’oblazione (hotā), realizzatelo (kṛṇudhvam) così (iti) attraverso gli omaggi (namobhiḥ)!
agni (agniḥ) avvicina (veḥ) le divinità (devān) al mortale (martāya) e (ca) egli (saḥ) li risveglia (bodhāti) attraverso la mente (manasā) e onora con sacrifici (yajāti) .

sa hi kratu̱ḥ sa marya̱ḥ sa sā̱dhurmi̱tro na bhū̱dadbhu̍tasya ra̱thīḥ | tam medhe̍ṣu pratha̱maṁ de̍va̱yantī̱rviśa̱ upa̍ bruvate da̱smamārī̍ḥ ||3||Egli (saḥ), infatti (), [è] volontà (kratuḥ), Egli (saḥ) [È] vigoroso (maryaḥ), Egli (saḥ) coglie il bersaglio (sādhuḥ), come (na) mitra (mitráḥ), diventa (bhūt) il guerriero dotato di un carro [l’auriga] (rathīḥ) del Meraviglioso (adbhutasya).

Quello (tam), il primevo (prathamam), che compie atti meravigliosi (dasmam), si rivolge [parla] (bruvate) inoltre (upa) al popolo degli arii (ārīḥ) [che sono] alla ricerca degli Dèi (devayantīḥ), nelle offerte rituali (medheṣu).

sa no̍ nṛ̱ṇāṁ nṛta̍mo ri̱śādā̍ a̱gnirgiro ‘va̍sā vetu dhī̱tim | tanā̍ ca̱ ye ma̱ghavā̍na̱ḥ śavi̍ṣṭhā̱ vāja̍prasūtā i̱ṣaya̍nta̱ manma̍ ||4|| Per noi (naḥ) Egli (saḥ, agni), uomo (nṛṇām) estremamente coraggioso (nṛtamaḥ), distruttore dei nemici (riśādāḥ), agni l’invocatore (agnirgiraḥ) attraverso la protezione (avasā) avvicini (vetu) il pensiero (dhītim) .
e (ca) coloro (ye) che distribuiscono prosperità (maghavānaḥ), i discendenti (tanā), i più potenti (śaviṣṭhāḥ), spronati dal coraggio (vājaprasūtāḥ), che rinvigoriscano (iṣayanta) l’intelletto (manma).

e̱vāgnirgota̍mebhirṛ̱tāvā̱ vipre̍bhirastoṣṭa jā̱tave̍dāḥ ǀ
sa e̍ṣu dyu̱mnampī̍paya̱tsa vāja̱ṁ sa pu̱ṣṭiṁ yā̍ti̱ joṣa̱mā ci̍ki̱tvān ǁ5ǁ

Così (eva) agni, detentore della verità (ṛtavā) che conosce le creature (jātavedāḥ), fu celebrato (astoṣṭa) attraverso i saggi (viprebhiḥ) discendenti di Gotama (gotamebhiḥ).
Che Egli (saḥ) accresca (pīpayat) in loro (eṣu) splendore (dyumnam), egli (saḥ) [accresca] vigore (vājam), egli (saḥ), colui che sa (cikitvān), conduce (yāti), secondo il proprio piacere (joṣam ā), verso la prosperità (puṣṭim).