ṛgveda X, 121



10 versi, metro triṣṭubh



हि॒र॒ण्य॒ग॒र्भः सम॑वर्त॒ताग्रे॑ भू॒तस्य॑ जा॒तः पति॒रेक॑ आसीत् ।
स दा॑धार पृथि॒वीं द्यामु॒तेमां कस्मै॑ दे॒वाय॑ ह॒विषा॑ विधेम ॥

hiraṇyagarbháḥ sámavartatā́gre bhūtásya jātáḥ pátiréka āsīt|
sá dādhāra pṛthivī́m dyā́mutémā́m kásmai devā́ya havíṣā vidhema ||1||

hiraṇyagarbhaḥ ǀ sam ǀ avartata ǀ agre ǀ bhūtasya ǀ jātaḥ ǀ patiḥ ǀ ekaḥ ǀ āsīt ǀ
saḥ ǀ dādhāra ǀ pṛthivīm ǀ dyām ǀ uta ǀ imām ǀ kasmai ǀ devāya ǀ haviṣā ǀ vidhema ǁ

Traduzione di Saverio Sani
In principio (agre) si sviluppò (samavartata) come un embrione d’oro (hiraṇyagarbhaḥ). Fin dalla sua nascita (jātaḥ) l’Uno (ekaḥ) fu (āsīt) il signore (patiḥ) di ciò che era venuto in essere (bhūtasya). Egli (sa) è diventato il sostenitore (dādhāra) della terra (pṛthivīm) e di questo cielo (dyām): a quale mai (kasmai) altro dio (devāya) dovremmo noi offrire la nostra adorazione (vidhema) per mezzo dell’oblazione (haviṣā)?

Traduzione di Valentino Papesso
(Qual) germe d’oro (hiraṇyagarbha) sorse nel principio (samavartata); appena nato (jātaḥ) fu (āsīt) I’unico (ekaḥ) signore (patiḥ) di ciò che esiste (bhūtasya). Egli (sa) sostenne (dādhāra) la terra (pṛthivīm) e il cielo (dyām):
a qual (kasmai) dio (devāya) dobbiamo fare omaggio (vidhema) con l’oblazione (haviṣā)?

Traduzione di Jamison-Brereton
The golden embryo evolved in the beginning. Born the lord of what came to be, he alone existed. He supports the earth and the heaven here— – Who is the god to whom we should do homage with our oblation?

hiraṇyagarbhaḥ = , sm. nom., hiraṇya (oro) + garbhaḥ (grembo) = l’embrione dorato
sam = avv. con, insieme, nell’insieme, com- plessivamente, interamente (RV).
avartata = vb. cl. 1, 3 p. sg. pres. imp. Ā. di √vṛt-, 1. volgere, girare, voltare, rotolare; 2. muovere o andare avanti, avanzare, procedere; 3. avere luogo, occorrere, accadere, essere compiuto, verificarsi
agre = avv. 1. di fronte; 2. a capo di; 3. all’inizio;
bhūtasya = sn. gen. 1. passato; 2. fatto, evento reale, realtà; 3. ciò che è o che esiste, essere vivente (divino, umano, animale, e persino vegetale), mondo (in questo senso anche sm.), (RV etc.); jātaḥ, agg. nom. sg. m. 1. nato, dato alla luce da (loc.), generato da (str. o abl.). (RV etc.);
patiḥ = sm. nom. sg. proprietario, possessore, signore, sovrano (RV)
ekaḥ = sm. nom. sg., uno
āsīt = vb. 3a p. sg. ind. imp. di √as-, essere; fu

saḥ = pron. nom. sg. m., egli
dādhāra = vb. ind. perf. di √dhṛ- 1. tenere, portare, trasportare, mantenere, preservare, conservare, possedere, avere, usare, impiegare, esercitare, subire;
pṛthivīm = sm. acc. sg. f. di pṛthivī- “l’ampia”, sf. terra o vasto mondo, personificato e spesso invocata in- sieme al cielo (RV); 2. terra, terreno, suolo (RV);
dyām = sf./sm. sm. (ra. sf. in Ved), acc. (nel sanscrito più tardo) cielo (nom. dyaiis): sm. (ra. sn.) 1. giorno, 2. splendore, lucentezza (RV);
uta = cong. e, anche, persino, o (RV).
imām = acc. sg. f. di idam, questa
kasmai = pr. inter. dat. di ka- 1. chi?, che cosa? (nella decl. ka segue il pr. tad eccetto che al nom. e acc. sg. n., dove kim ha preso il posto di kad o kat in sanscrito classico; nei Veda si trova l’antica forma kad).
devāya = sm. dat. sg. di deva-, a Dio
haviṣā = sn. str. sg. 1. oblazione offerta sul fuoco
vidhema = vb. 1° p. pl. pres. ott. di √vidh-, vb. cl. 6 P. vidhati: 1. adorare, onorare un dio (dat., loc., acc.) con (str.), presentare in modo reverenziale, offri- re, dedicare;

< >