ṛgveda X, 121



10 versi, metro triṣṭubh



य आ॑त्म॒दा ब॑ल॒दा यस्य॒ विश्व॑ उ॒पास॑ते प्र॒शिषं॒ यस्य॑ दे॒वाः ।
यस्य॑ च्छा॒यामृतं॒ यस्य॑ मृ॒त्युः कस्मै॑ दे॒वाय॑ ह॒विषा॑ विधेम ॥

yá ātmadā́ baladā́ yásya víśva upā́sate praśíṣam yásya devā́ḥ|
yásya cchāyā́mṛ́tam yásya mṛtyúḥ kásmai devā́ya havíṣā vidhema ||2||

yaḥ ǀ ātmadāḥ ǀ baladāḥ ǀ yasya ǀ viśve ǀ upa-āsate ǀ pra-śiṣam ǀ yasya ǀ devāḥ ǀ
yasya ǀ chāyā ǀ amṛtam ǀ yasya ǀ mṛtyuḥ ǀ kasmai ǀ devāya ǀ haviṣā ǀ vidhema ǁ

Traduzione di Saverio Sani
Egli è colui che dà la vita e dà la forza; colui i cui ordini so­no rispettati da tutti, perfino dagli dèi;
colui per il quale l’immortalità è un’ombra, per il quale lo è la morte:
a quale mai altro dio dovremmo noi offrire la nostra adorazione per mezzo dell’oblazione ?

Traduzione di Valentino Papesso
Colui (yaḥ) che dà il respiro (ātmadāḥ), che dà il vigore (baladāḥ), il comando del quale (yasya) tutti (viśve) gli dèi seguono (upāsate); ombra (chāyā) del quale (yasya) è l’immortalità (amṛtam) e la morte (mṛtyuḥ):
a qual (kasmai) dio (devāya) dobbiamo fare omaggio (vidhema) con l’oblazione (haviṣā)?

Traduzione di Jamison-Brereton
Who is the giver of breath, the giver of strength; whose command all honor, whose command the gods honor;
whose shadow is immortality, whose shadow is death— – Who is the god to whom we should do homage with our oblation?


yaḥ = pron. nom. s. di yad-, il quale
ātmadāḥ = agg. m. nom. s. di ātmadā-, che dà respiro o vita
da = ifc. che dà, che accorda, che concede, che offre, che effettua, che compie, che produce.
baladāḥ = agg. m. nom. s. di baladā-, che conferisce o trasmette potere
yasya = pron, gen. s. di yad-, del quale;
viśve = agg. nom. m. pl. di viśva-, tutto, ogni, ognuno
upāsate = vb. cl. 2 pres. 3ª p. pl. di upās-, 1. sedersi a lato di, sedere vicino per onorare o aspettare qualcuno (AV; SBr; ChUp); 2. attendere, avvicinarsi con rispetto, servire, onorare, riverire, rispettare, riconoscere, rendere omaggio, adorare, essere devoto o attaccato a (RV; AV; VS; ŚBr; MBh)
praśiṣam = sf. acc. sg. di praśis-, ordine, direttiva, precetto
yasya = pron, gen. s. di yad-, del quale;
devāḥ = sm. nom. pl. di deva-, divinità, dio

yasya = pron, gen. s. di yad-, del quale;
chāyā = sf. nom. sg. di chāya-, ombra. luogo ombreggiato;
amṛtam = sn. acc. sg. di amṛta-, immortalità;
yasya = pron, gen. s. di yad-, del quale;
mṛtyuḥ = sm. nom. sg. di mṛtyu-, morte, il morire;
kasmai = pr. inter. dat. di ka- 1. chi?, che cosa? (nella decl. ka segue il pr. tad eccetto che al nom. e acc. sg. n., dove kim ha preso il posto di kad o kat in sanscrito classico; nei Veda si trova l’antica forma kad).
devāya = sm. dat. sg. di deva-, a Dio
haviṣā = sn. str. sg. 1. oblazione offerta sul fuoco
vidhema = vb. 1° p. pl. pres. ott. di √vidh-, vb. cl. 6 P. vidhati: 1. adorare, onorare un dio (dat., loc., acc.) con (str.), presentare in modo reverenziale, offrire, dedicare;

< >