ṛgveda X, 121



10 versi, metro triṣṭubh



यः प्रा॑ण॒तो नि॑मिष॒तो म॑हि॒त्वैक॒ इद्राजा॒ जग॑तो ब॒भूव॑ ।
य ईशे॑ अ॒स्य द्वि॒पद॒श्चतु॑ष्पदः॒ कस्मै॑ दे॒वाय॑ ह॒विषा॑ विधेम ॥

yáḥ prāṇató nimiṣató mahitváika ídrā́jā jágato babhū́va|
yá ī́śe asyá dvipádaścátuṣpadaḥ kásmai devā́ya havíṣā vidhema ||3||

yaḥ ǀ prāṇataḥ ǀ nimiṣataḥ ǀ mahitvā ǀ ekaḥ ǀ it ǀ rājā ǀ jagataḥ ǀ babhūva ǀ
yaḥ ǀ īśe ǀ asya ǀ dvi-padaḥ ǀ catuṣpadaḥ ǀ kasmai ǀ devāya ǀ haviṣā ǀ vidhema ǁ

Traduzione di Saverio Sani
Egli è l’Uno che, per la sua potenza, è divenuto il re del mondo animato che respira e sbatte le palpebre, cioè è co­lui che regna su ogni essere bipede e quadrupede:
a quale mai altro dio dovremmo noi offrire la nostra adora­zione per mezzo dell’oblazione?

Traduzione di Valentino Papesso
Colui (yad) che per la sua grandezza (mahitvā) è divenuto (babhūva) unico (ekaḥ) re (rājā) di ciò che respira (prāṇataḥ) e chiude gli occhi (nimiṣataḥ), del mondo (jagataḥ) ; che (ya) è padrone (īśe) del bipede (dvipadaḥ) e del quadrupede (catuṣpadaḥ):
a qual (kasmai) dio (devāya) dobbiamo fare omaggio (vidhema) con l’oblazione (haviṣā)?

Traduzione di Jamison-Brereton
Who became king of the breathing, blinking, moving world—just he alone by his greatness; who is lord of the two-footed and four-footed creatures here.
Who is the god to whom we should do homage with our oblation?


yaḥ = , pron. nom. s. di yad-, il quale
prāṇataḥ = vb. / sm. part. pres. att. di √prān- cl. 2; gen. di prāṇat-, respira
nimiṣataḥ = vb. / sm. part. pres. di √nimiṣ- cl. 6; gen. di nimiṣat-, sbatte le palpebre
mahitvā = sn. str. mahitva-, grandezza, potenza
ekaḥ =sm. nom. sg., uno;
it = forma vedica per la particella id, avv. ved. 1. proprio, solo, soltanto; 2. davvero, sicuramente (spec. nel rafforzare un’antitesi); 3. è spesso unito a parole che esprimono eccesso o esclusione (p.e. eka it “solo uno”);
rājā = sm. nom. sg. di rājan-, re, sovrano
jagataḥ = sn. gen. sg. di jagat-, universo, terra, mondo
babhūva = vb. perf. ind. 1ª pers. sg. di √bhū-, diventare, essere. sorgere, nascere, esistere, vivere, stare, sopportare, accadere, succedere (spesso usato con i participi e con altri nomi verbali per forme verbali perifrastiche);

= pron, nom. s. di yad-, chi, che, quale;
īśe = vb. 1ª pers. sing. perfetto di √īś-; comandare, governare, regnare
asya = gen. sg. m. di idam-, di questo
dvipadaḥ = sm. gen. sg. di dvipad-, bipede
catuṣpadaḥ = sm. gen. sg. di catuṣpada-, quadrupede
kasmai = pr. inter. dat. di ka- 1. chi?, che cosa? (nella decl. ka segue il pr. tad eccetto che al nom. e acc. sg. n., dove kim ha preso il posto di kad o kat in sanscrito classico; nei Veda si trova l’antica forma kad).
devāya = sm. dat. sg. di deva-, a Dio
haviṣā = sn. str. sg. 1. oblazione offerta sul fuoco
vidhema = vb. 1° p. pl. pres. ott. di √vidh-, vb. cl. 6 P. vidhati: 1. adorare, onorare un dio (dat., loc., acc.) con (str.), presentare in modo reverenziale, offrire, dedicare;

< >