ṛgveda X, 121



10 versi, metro triṣṭubh



येन॒ द्यौरु॒ग्रा पृ॑थि॒वी च॑ दृ॒ळ्हा येन॒ स्वः॑ स्तभि॒तं येन॒ नाकः॑ ।
यो अं॒तरि॑क्षे॒ रज॑सो वि॒मानः॒ कस्मै॑ दे॒वाय॑ ह॒विषा॑ विधेम ॥

yéna dyáurugrā́ pṛthivī́ ca dṛḷhā́ yéna sváḥ stabhitám yéna nā́kaḥ|
yó antárikṣe rájaso vimā́naḥ kásmai devā́ya havíṣā vidhema ||5||

yena ǀ dyauḥ ǀ ugrā ǀ pṛthivī ǀ ca ǀ dṛḷhā ǀ yena ǀ svariti svaḥ ǀ stabhitam ǀ yena ǀ nākaḥ ǀ
yaḥ ǀ antarikṣe ǀ rajasaḥ ǀ vimānaḥ ǀ kasmai ǀ devāya ǀ haviṣā ǀ vidhema ǁ

Traduzione di Saverio Sani
Egli è colui dal quale sono stati fìssati il possente cielo e la salda terra; colui dal quale sono stati fissati al loro posto il sole e il firmamento; colui che nell’atmosfera è la misura stessa dello spazio:
a quale mai altro dio dovremmo noi offrire la nostra adora­zione per mezzo dell’oblazione?

Traduzione di Valentino Papesso
Colui dal quale (yena) il cielo (dyauḥ) possente (ugrā) e (ca) la terra furono fissati (dṛḷhā), dal quale (yena) fu stabilita (stabhitam) la luce [o il sole] e la volta celeste (nākaḥ); il quale (yaḥ) nello spazio mediano (antarikṣe) fu il misuratore (vimānaḥ) dell’atmosfera (rajasaḥ):
a qual (kasmai) dio (devāya) dobbiamo fare omaggio (vidhema) con l’oblazione (haviṣā)?

Traduzione di Jamison-Brereton
By whom the mighty heaven and earth were made firm; by whom the sun was steadied, by whom the firmament; who was the one measuring out the airy realm in the midspace
Who is the god to whom we should do homage with our oblation?


yena = pron. str.. s. di yad-, dal quale
dyauḥ = sm. nom. sg. di div-, cielo
ugrā = agg. f. nom. sg. di ugra-, 1. potente, violento, impetuoso, forte, enorme, formidabile, terribile;
pṛthivī = sf. nom. sg. di pṛthivī- sf., terra o vasto mondo, personificato e spesso invocata insieme al cielo (RV)
ca = cong., e
dṛḷhā = vb. nom. sg. vl. di dṛḍha-, √dṛh-, vl. di √dṛṃh- rendere fisso, stabile, rafforzare
yena = pron. str.. s. di yad-, dal quale
svaḥ = sm. nom. sg.
stabhitam = vb. √stabh-, fissare fermamente, dare supporto, sostenere, sorreggere (spec. il cielo)
yena = pron. str.. s. di yad-, dal quale,
nākaḥ = sm. nom. sg. di nāka-, volta del cielo, firmamento, cielo (RV); 2. sole;

yaḥ = nom. m. sg. di yad-, il quale
antarikṣe = sn. loc. sg. di antarikṣa-, spazio intermedio tra cielo e terra, atmosfera, cielo, aria (RV);
rajasaḥ = sn. gen. sg. di rajas-, sfera dei vapori, sfera delle nebbie, regione del cielo dove si trovano le nubi, atmosfera, aria, firmamento
vimānaḥ = sm. nom. sg. di vimāna-, che dosa, che versa
kasmai = pr. inter. dat. di ka- 1. chi?, che cosa? (nella decl. ka segue il pr. tad eccetto che al nom. e acc. sg. n., dove kim ha preso il posto di kad o kat in sanscrito classico; nei Veda si trova l’antica forma kad).
devāya = sm. dat. sg. di deva-, a Dio
haviṣā = sn. str. sg. 1. oblazione offerta sul fuoco
vidhema = vb. 1° p. pl. pres. ott. di √vidh-, vb. cl. 6 P. vidhati: 1. adorare, onorare un dio (dat., loc., acc.) con (str.), presentare in modo reverenziale, offrire, dedicare;

< >