ṛgveda X, 121



10 versi, metro triṣṭubh



आपो॑ ह॒ यद्बृ॑ह॒तीर्विश्व॒माय॒न्गर्भं॒ दधा॑ना ज॒नयं॑तीर॒ग्निं ।
ततो॑ दे॒वानां॒ सम॑वर्त॒तासु॒रेकः॒ कस्मै॑ दे॒वाय॑ ह॒विषा॑ विधेम ॥

ā́po ha yádbṛhatī́rvíśvamā́yangárbham dádhānā janáyantīragním|
táto devā́nām sámavartatā́surékaḥ kásmai devā́ya havíṣā vidhema ||7||

āpaḥ ǀ ha ǀ yat ǀ bṛhatīḥ ǀ viśvam ǀ āyan ǀ garbham ǀ dadhānāḥ ǀ janayantīḥ ǀ agnim ǀ
tataḥ ǀ devānām ǀ sam ǀ avartata ǀ asuḥ ǀ ekaḥ ǀ kasmai ǀ devāya ǀ haviṣā ǀ vidhema ǁ

Traduzione di Saverio Sani
Quando giunsero le grandi Acque che portano in sé, come embrione, tutto l’universo, generando Agni, da allora l’Uno diventò il soffio vitale degli dèi:
a quale mai altro dio dovremmo noi offrire la nostra adora­zione per mezzo dell’oblazione?

Traduzione di Valentino Papesso
Quando (yat) vennero (āyan) le grandi (bṛhatīḥ) acque (āpaḥ) portando in sé (dadhānāḥ) il tutto (viśvam) [come] germe (garbham), generando (janayantīḥ) Agni (agnim), di là (tataḥ) egli sorse (avartata), l’unico (ekaḥ) spirito vitale (asuḥ) degli dèi (devānām):
a qual (kasmai) dio (devāya) dobbiamo fare omaggio (vidhema) con l’oblazione (haviṣā)?

Traduzione di Jamison-Brereton
When the lofty waters came, receiving everything as an embryo and giving birth to the fire, then the life of the gods evolved alone.
Who is the god to whom we should do homage with our oblation?


āpaḥ = sn. nom. pl. di ap-, sf. (ved. sia al sg. che al pl., ma in sanscrito classico solo al pl.) 1. acqua; 2. acqua considerata come divinità; 3. aria, regione intermedia (Nigh);
ha =ptc. infatti, sicuramente, in verità, certamente, allora.
yat = cong. yad, quando
bṛhatīḥ = agg. f. nom. pl. di bṛhat-, 1. elevato, alto, grande, largo, vasto, esteso, abbondante, compatto, solido, massiccio, forte, potente (RV);
viśvam = sn. acc. sg. di viśva-, 1. tutto, ogni, ognuno; 2. intero, universale (RV)
āyan = vb. cl. 2, imperf. 3ª p. pl., andare, andare verso (acc.). camminare; 2. scorrere;
garbham = sm. acc. sg. di garbha-, I. grembo, utero (RV; AV);
dadhānāḥ = vb. nomin. nom. pl. di √dhā--, I. porre, collocare, porre in o sopra (loc.); 2. prendere o portare o aiutare (loc. o dat.);
janayantīḥ = vb. nomin. nom. pl. di √jan-, generare, procreare, produrre, creare, causare:;
agnim = sm. acc. sg. di agni-, agni;


tataḥ = avv. (tatas corr. di yatas, usato per esprimere l’abl. (sg., du. e pl. di tàd) 1. da quel luogo, di là (RV; AV); 2. in quel luogo, là, colà, in quella direzione;
devānām = sm. gen. pl. di deva-, deva, divinità.
sam = avv. con, insieme con, insieme, nell’insieme (usato come preposizione o prefisso per verbi e derivati verbali ed esprime “congiunzione”, “unione”, “precisione”, “intensità”, “completezza”).
avartata = vb. cl. 1 3ª p. sg. imp. di √vṛt-, 4. essere, vivere, esistere, essere fondato, rimanere, stare, dimorare, abitare;
asuḥ = sm. nom. sg. di asu-, respiro vitale, vita (RV); sm. pl. spiriti vitali; sn. 1. spirito; 2. dolore.
ekaḥ = sm. nom. sg. di eka- uno, unico
kasmai = pr. inter. dat. di ka- 1. chi?, che cosa? (nella decl. ka segue il pr. tad eccetto che al nom. e acc. sg. n., dove kim ha preso il posto di kad o kat in sanscrito classico; nei Veda si trova l’antica forma kad).
devāya = sm. dat. sg. di deva-, a Dio
haviṣā = sn. str. sg. 1. oblazione offerta sul fuoco
vidhema = vb. 1° p. pl. pres. ott. di √vidh-, vb. cl. 6 P. vidhati: 1. adorare, onorare un dio (dat., loc., acc.) con (str.), presentare in modo reverenziale, offrire, dedicare;

< >