ṛgveda X, 166



5 versi, metro anuṣṭubh, ad eccezione del 5º, mahāpaṅkti



अ॒हम॑स्मि सपत्न॒हेंद्र॑ इ॒वारि॑ष्टो॒ अक्ष॑तः ।
अ॒धः स॒पत्ना॑ मे प॒दोरि॒मे सर्वे॑ अ॒भिष्ठि॑ताः ॥

ahámasmi sapatnahéndra ivā́riṣṭo ákṣataḥ|
adháḥ sapátnā me padórimé sárve abhíṣṭhitāḥ ||2||

aham ǀ asmi ǀ sapatna ǀ hā ǀ indraḥ ǀ iva ǀ ariṣṭaḥ ǀ akṣataḥ ǀ
adhaḥ ǀ sa-patnāḥ ǀ me ǀ padoḥ ǀ ime ǀ sarve ǀ abhi-sthitāḥ ǁ

Traduzione di Valentino Papesso
Io (aham) sono (asmi) l’uccisore () dei rivali, intangibile (ariṣṭaḥ) e invulnerabile (akṣata) come (iva) Indra (indraḥ).
Tutti (sarve) questi (ime) rivali (sapatnāḥ) sono stati messi (abhisthitāḥ) sotto (adhaḥ) ai miei (me) piedi (padoḥ) .

Traduzione di Jamison-Brereton
I am a smiter of rivals, like Indra, unharmable, invulnerable.
Beneath my feet are my rivals: all these here have been stood upon.


aham = pron. nom. s. di aham-, io
asmi = vb. cl. 2 ind. pres. 1ª p. sg. di √as-, sono
sapatna = sm. rivale, avversario, nemico (RV).
= agg. m. nom. s. di han-, agg. che uccide, assassino.
indraḥ = sm. nom. sg. di indra-, indra ;
iva = avv. 1. così, allo stesso modo; 2. come se fosse, come se;
ariṣṭaḥ = agg. m. nom. sg. di ariṣṭa-, non ferito, a prova di danno, sicuro, salvo (RV):
akṣataḥ = agg. m. nom. sg. di akṣata-, non schiacciato, non ferito, non colpito, non rotto, intero

adhaḥ = avv. 1. sotto, in basso, nella regione inferiore, sotto, al di sotto (acc., gen. e abl.);
sapatnāḥ = sm. nom. pl. di sapatna-, rivale, avversario, nemico (RV);
me = pron. forma atona gen. sg. di aham, di me
padoḥ = sm. loc. du. di pad-, piedi
ime = pron. nom. pl. m. di idam, questi;
sarve = agg. m. nom. pl. di sarva-, tutti
abhisthitāḥ = vb. nominale, nom. pl. di vb. cl. 1 abhisthā-, stare, stare saldamente, stazionarsi, stare su, prendere una posizione su;
abhi = avv. 1. verso, a. in direzione di (usato come prefisso di verbi di moto e come avverbio);

< >