bhagavad gītā 2-27



जातस्य हि ध्रुवो मृत्युर्ध्रुवं जन्म मृतस्य च |
तस्मादपरिहार्येऽर्थे न त्वं शोचितुमर्हसि || 27||

jātasya hi dhruvo mṛtyur dhruvaṁ janma mṛtasya ca |
tasmād aparihārye ’rthe na tvaṁ śocitum arhasi ||27||


Traduzione parola per parola
Della nascita (jātasya), infatti (hi), la morte (mṛtyuḥ) [è] certa (dhruvas) e (ca) della morte (mṛtasya) la nascita (janma) [è] certa (dhruvam).
Perciò (tasmāt) è inevitabile (aparihārye) nello scopo (arthe).
Tu (tvam) non (na) dovresti (arhasi) essere afflitto (śocitum).



jātasya, sm. gen. sg. di jāta- della nascita
hi, cong. infatti, poiché, in considerazione (solitamente occupa la seconda posizione nella frase)
dhruvas, agg. m. nom. sg. di dhruva- stabilito, certo, sicuro
mṛtyuḥ, sm. nom. sg. di mṛtyu-, morte
dhruvam, agg. n. nom. sg. di dhruva- fisso, fermo, immobile, immutabile, costante, duraturo, eterno, permanente
janma, sn. nom. sg. di janman-, nascita, orogome, esistenza
mṛtasya, sm. gen. sg. di mṛtyu-, della morte
ca, e

tasmāt, pron. n. / m. abl. sg. di tad, da quello, perciò, dunque
aparihārye, sm. loc. sg. gv. di aparihṛ- di ciò che è inevitabile (vedabase)
arthe, agg. m. loc. sg. di artha-, nello scopo, nel proposito, nella causa; in verità (vedabase)
na, avv. no, non/
tvam, pron. nom. sg. di tad, tu
śocitum, vb. infv. di √śuc-, soffrire un dolore, essere angosciato o afflitto, lamentare, rimpiangere
arhasi, vb. cl. 1, 2ª p. sg. pres. di √arh-, meritare, essere degno di, avere diritto a, avere il permesso di fare qualcosa, essere in grado.
sometimes for the simple negative na (exempli gratia, ‘for example’ katham mā bhūt mā bhūt&iencoding=iast&lang=sans)-, how may it not be; mā gantum arhasi -,thou oughtest not to go, R; mā bhūd āgataḥ-,can he not id est surely he must have arrived (MW)