ṛgveda X, 97



ṛṣi: bhiṣaj ātharvaṇa, 23 versi, metro anuṣṭubh

traduzione: Eugenia De Luca

अति॒ विश्वाः॑ परि॒ष्ठाः स्ते॒न इ॑व व्र॒जम॑क्रमुः ।
ओष॑धीः॒ प्राचु॑च्यवु॒र्यत्किं च॑ त॒न्वो॒३॒॑ रपः॑ ॥

ati viśvāḥ pariṣṭhā stena iva vrajam akramuḥ |
oṣadhīḥ prācucyavur yat kiṃ ca tanvo rapaḥ ||10||

ati ǀ viśvāḥ ǀ pari-sthāḥ ǀ stenaḥ-iva ǀ vrajam ǀ akramuḥ ǀ
oṣadhīḥ ǀ pra ǀ acucyavuḥ ǀ yat ǀ kim ǀ ca ǀ tanvaḥ ǀ rapaḥ ǁ

Traduzione parola per parola
Sono passate (akramuḥ) oltre (ati) tutti (viśvāḥ) gli ostacoli come (iva) un ladro (stenaḥ) (oltrepassa) la recinzione dell’ovile (vrajam)
Le piante (oṣadhīḥ) hanno rimosso (prācucyavuḥ) qualunque (yat kiṃ ca) malattia (rapaḥ) dal corpo (tanvaḥ).


ati = avv. eccessivo, straordinario, intenso, oltre
viśvāḥ = (viśva) acc. pl. f. – tutto, intero, universale, che contiene in sé il tutto, universo
pariṣṭhāḥ = (pariṣṭhā) nom. pl. f. – impedimento, che ostacola
stenaḥ = (stena) nom. sg. m. – ladro
iva = avv. così, allo stesso modo
vrajam = (vraja) acc. sg. m. – ovile, stalla, gregge, gruppo, branco
akramuḥ = √kram- 1cl. 3 pl. aor. – camminare, dirigersi, avvicinarsi, oltrepassare, penetrare

oṣadhīḥ = (oṣadhī – solo RV) nom. pl. f. (Macdonell formazione del nom. pl. f. ī) – piante, erbe
prācucyavuḥ = pra + √cyu- 1cl. 3 pl. ipf. – far andare via, rimuovere
yat kiṃ ca = e ogni cosa, qualunque cosa
tanvaḥ = (tanu) gen. sg. f. – delicato, emaciato, corpo, persona
rapaḥ = (rapas) nom. sg. n. – malattia